Il fenomeno dell’assuefazione olfattiva riguarda la parte conscia dell’olfatto che analizza, associa e classifica gli odori, ma l’effetto dell’odore continua sulle persone al di fuori della percezione che ne hanno, proprio come le fragranze in virtù del loro effetto subliminale continuano ad agire sulla psiche senza essere consciamente percepite. In alcune scenografie olfattive dinamiche, gli odori si rinnovano in continuazione e si accumulano in uno spazio chiuso senza che l’olfatto se n’accorga.

Questo tipo di scenografia permette di suscitare nel pubblico emozioni di grande intensità e d’effetto duraturo. In effetti, lo stato d’animo generato da uno spettacolo che coinvolge l’olfatto  perdura per giorni oltre la performance, esattamente come una seduta di psico aromaterapia o di profumo-terapia  e l’emozione che ha suscitato lo spettacolo potrà essere rievocata a distanza nel tempo utilizzando lo stesso profumo.

Vedremo un giorno gli artisti esibirsi in nuvole di fragranze e regalare profumi ai fans e vendere il loro profumo firmato insieme ai loro album. In questo modo saranno in grado di creare col proprio pubblico un legame emozionale che continua oltre il concerto, nella vita quotidiana, come fanno i terapisti che sfruttano l’effetto feed back degli odori.