La Calligrafia

Come le altre lingue semitiche l’arabo si scrive da destra verso sinistra, secondo il movimento che viene naturale a chi non è mancini. Il fatto di iniziare dalla destra verso la sinistra poi dall’alto verso il basso (simbolicamente la destra è superiore alla sinistra come l’alto lo è al basso) genera un movimento antiorario che è anche quello del pianeta.

La penna, il Calamo (qalam) è lo strumento che alza l’uomo al di sopra di tutte le creature, permettendogli di scrivere dunque di fissare per eterno una parola, un significato astratto, come Dio scrive nel libro del destino.

Il punto è nella scienza della geometria islamica l’inizio dello sviluppo dello spazio tridimensionale. Il punto moltiplicato produce una linea, i due punti estremi della linea rotati producono un cerchio e il cerchio rotato intorno al suo centro produce una sfera.

Il punto che disegna la penna, una volta definito, viene usato come unità di misura per determinare la proporzione fra altezza e larghezza di ogni singola lettera.

Per rendervi conto della versatilità della calligrafia araba guardate cinque modi di scrivere “assalamu alaikum, la pace sia con voi

As-Salamu ‘alaikum

 Calligrafie di Abdes-SalamAttar

arco

rotondo

rotondo2

pace

specchio