Sfatare i miti della profumeria

bacche-di-vaniglia

Sfatare i miti della profumeria

Piramidi olfattive, bugie e miti della profumeria moderna

Il piu’ grande mito della profumeria

Vecchi e nuovi miti della profumeria

 

Da cosa dipende la qualità di un profumo? Senza dubbio la qualità di un profumo dipende solo dalla quantità di ingredienti naturali che esso contiene.

Non vi può essere un buon profumo senza una qualche percentuale di naturale.

Ci possono essere più molecole in una singola essenza naturale di quante ve ne sono in una fragranza commerciale composta da 100 o 200 singole molecole di sintesi.

Non ci sorprende quindi che qualsiasi quantità di naturale in un fragranza chimica porti volume e profondità che le sarebbero completamente mancanti.

Il problema che si pone l’industria è capire quanto è quel minimo di naturale che è sufficiente per trasformare una zuppa chimica in un piatto commestibile.

Il problema della profumeria di nicchia invece è quanto naturale accetterà il suo cliente così abituato a mangiare la minestra chimica.

Dopo la pluri-decennale diseducazione olfattiva delle masse, la credenza universale è che non vi possa essere un buon profumo senza una certa quantità di sintetico.

Proprio come la convinzione universale che non ci può essere libertà senza “democrazia” e mercato “libero”. E’ ovviamente falso, ma solo quelli che non sono stati accecati possono vederlo.

Sarebbe come dire a Leonardo che non vi può essere un buon dipinto senza colori chimici. La ricerca dei colori di qualità e la loro fabbricazione è stata in passato una parte importante del lavoro del pittore esattamente come la ricerca di essenze di qualità e la loro distillazione è una parte importante del lavoro del profumiere naturale di oggi.

Non è possibile cucinare un piatto meraviglioso con ingredienti di bassa qualità. Lo stesso vale per la profumeria.

Profumeria di massa è come il cibo del supermercato. E’ per la massa. Se siete alla ricerca di qualcosa di meglio, è necessario cercare fuori dal circuito dei supermercati, fuori dalle profumerie, direttamente nei ristoranti degli chef, direttamente dai profumieri artigiani che entrambi scelgono con la massima cura i loro ingredienti. I loro prodotti sono talmente artigianali che non debbono essere firmati, le loro impronte digitale sono sul vostro piatto e sulla vostra bottiglia.

Questo è lusso.

 

Vedi anche:

Sfatare i miti della profumeria

Piramidi olfattive, bugie e miti della profumeria moderna

Il piu’ grande mito della profumeria

Vecchi e nuovi miti della profumeria

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *