Manila Times martedì il 15 febbraio 2005

36 profumi contengono ‘fragranze della morte’, afferma Greenpeace

Da Ronnie Calumpita, Reporter

La prossima volta che il vostro fidanzato vi regala un profumo per San Valentino, pensateci due volte prima di accettare, potrebbe essere il “profumo della morte”.

Il gruppo ambientale Greenpeace ha detto lunedì che i profumi di almeno 36 marche ben note contengono prodotti chimici che sono pericolosi per la salute e per l’ambiente.

Ad una conferanza stampa al ristorante di Bacolod nella città di Quezon, Francis De la Cruz, sostenitore di “toxics di Greenpeace Asia sudorientale”, ha rivelato che gli estèri di ftalato ed i muschi sintetici—due prodotti chimici artificiali tossici—sono contenuti in parecchi profumi.

“Questi prodotti chimici sono conosciuti per essere dannosi alla salute e possono causare danni irreversibili una volta che hanno penetrato il corpo inalandoli o attraverso la pelle”.

“questo avvelenamento non è acuto ma bensì cronico, queste sostanze chimiche rimangono nel nostro sistema e si accumulano nei tessuti grassi degli organismi viventi” ha aggiunto.

Lo ftalato, ha detto De la Cruz, è stato riconosciuto per avere effetti dannosi sul DNA, sullo sperma, sui polmoni, sul fegato e sui testicoli.

“L’accumulazione nei tessuti dei muschi sintetici può causare danni al fegato e queste molecole possono attaccare i tessuti viventi, inibire le funzioni cerebrali e la comunicazione ormonale”, ha detto. “I muschi artificiali trovati nei tessuti grassi umani sono stati riconosciuti responsabili dell’indebolimento del sistema immunitario.

I profumi che contengono questi agenti tossici, egli disse, sono CK One, Eternity for Men e Eternity for Women di Calvin Klein, Boss in Motion di Hugo Boss; Envy Me di Gucci, Blue Polo di Ralph Lauren, True Star di Tommy Hilfiger, She di Armani, Chnace e No. 5 di Chanel, Floral Dream di Adidas, Cinema di Yves Saint Laurent e Sunset di Naomi Campbell.

Greenpeace ha selezionato a caso 36 marche di profumo per un’analisi quantitativa per i ftalati ed i muschi sintetici al laboratorio dei Paesi Bassi, TNO scienze ed ambiente, che hanno condotto gli studi da 2003 a 2004.

Greenpeace, ha detto De la Cruz ha cominciato a prendere contatto con i produttori di questi profumi per discutere come i chimici pericolosi che contengono possono essere eliminati dei loro prodotti.

“Altri ingredienti che non sono nocivi possono essere usati come sostituti” ha detto.

Greenpeace coordinerà un azione con il “Food and Drugs Bureau” per regolare l’entrata dei “profumi tossici” nel Paese.

“Il Bureau dovrebbe imporre cambiamenti alla composizione dei profumi che contengono i prodotti chimici pericolosi, una volta che la regolamentazione sarà passata in Europa,” ha detto De la Cruz.

Nota – La lista completa dei profumi incriminati include:

Floral Dream by Adidas,

In Leather by Aigner,

Aqua Naturale,

Emporio Armani by Armani,

White Musk,

Eau de Parfum by The Body Shop,

High Speed by Bogner,

BLV Notte by Bulgari,

CK One for Men,

Eternity for Men and Eternity for Women by Calvin Klein,

Le Baiser Du Dragon by Cartier,

Chance No. 5 by Chanel,

Poison and Pure Poison by Christian Dior,

Him by FCUK,

Fiorucci Loves You,

Envy Me by Gucci,

Boss by Hugo Boss,

My Manifesto by Isabella Rosellini,

Classique and Le Male by Jean Paul Gaultier,

Nightlife by Joop!,

Iris Blue by Melvita,

Waterlove by Mexx,

Sunset by Naomi Campbell,

XS Pour Homme by Paco Rabanne,

Jamaica Man and Jamaica Woman by Puma.

(List published on page A4 of the Feb. 28, 2005 issue of the Philippine Daily Inquirer)

Vedi anche:

Veleni profumati

Altro articolo Veleni profumati – CORRIERE DELLA SALUTE