Vendere profumi

Stavamo guardando le barche a vela dall’alto della collina sulla costa di Palermo. Mia bimba piccola mi disse: “Papi, voglio comprare una barca, quando sarò grande”.
“Facile”, rispose, “basta vendere profumi alla gente, e questo è facile perché i profumi piacciono a tutti”.

Baba Farid, che fu uno dei più importanti santi dell’India, finisce la sua vita in un villaggio del Punjab, a Pakpattan. Questo era la sua missione. Altri santi vivevano a Dehli o a Lahore, centri di civiltà e di potere. Avevano magliai di discepoli, consigliavano re e viziri. Baba Farid insegno, curo e nutro rozzi paesani durante tutta la sua vita.
Ho passato un anno a Pakpattan, bloccato lì dal destino come lo fu baba Farid a suo tempo, e ebbe molto tempo per leggere e studiare la vita del santo. I suoi erano insegnamenti semplici per gente semplice. Mi ricordo uno dei suoi detti; “non provare a vendere alle persone quello che non vogliono comprare”.

I nostri geni del marketing hanno aggirato il problema per i loro clienti: “Fa desiderare alla gente di comprare quello che non vogliono comprare”. Il punto da capire per noi profumieri è che tutti vogliono sentire buono e vivere in un ambito che ha un buon odore. Il nostro compito di vendere profumi è molto più facile per noi che per altri produttori.

C’è un proverbio arabo che va così: ” Una persona pia è come il profumiere, se egli non ti regala un profumo, perlomeno avrai il piacere di sentire i suoi buoni aromi. La persona corrotta è come il fabbro, se non ti brucia con il suo fuoco, perlomeno ti soffocherà con il suo fumo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *