Il profumo di Patchouli

Il profumo del ribelle

nave-pirata

Il patchouli è un olio essenziale indispensabile per molto versi nella composizione di profumi naturali.

Lo si ottiene dalle foglie essiccate dell’albero che sono poi macerate in acqua prima di essere distillate.

Il suo aroma è di sotto bosco profondo, dei licheni della foresta, è canforato, ammuffito e sa di terra di boscaglia umida.

È un odore intimo, sensuale, afrodisiaco e provocatorio.

Questi ultimi aggettivi stranamente descrivono anche i feromoni umani. Il patchouli potrebbe essere paragonato a un sostituto o a un potenziatore della nostra produzione di feromoni, quelli che laviamo via ossessivamente ogni giorno con saponi profumati e deodoranti chimici.

Questa dimensione feromonale dell’essenza è probabilmente la ragione per cui il Patchouli ha sempre esercitato un fascino entusiaste da parte dei giovani, ed è anche probabilmente la ragione per cui non è mai piaciuta ai loro genitori, che hanno ormai un ruolo e una immagine sociale da assumere e a cui conformarsi.

Quando un ragazzo pieno di patchouli sale sul metro o sull’autobus si legge spesso sui visi dei pendolari una reazione negativa. Essa è dovuta al fatto che l’odore dell’essenza attiva la ghianda pituitaria di chi la sente, provocando la messa in circolazione nel sangue di endorfine, l’ormone dell’amore. L’endorfina è certamente fuori luogo alla mattina nel treno dei pendolari. Perciò i visi rimproveranti.

Se qualcuno vi volesse fare una iniezione di endorfine alla mattina nel bus, lo prenderete sicuramente come una aggressione fisica. È proprio quello che fa il ragazzo con il suo profumo di patchouli, senza siringa.

Il Patchouli è il profumo prediletto dei ribelli. Chi non ama il patchouli non è un vero ribelle, per quanto può pretendere esserlo.

Ribelli, idealisti, sperimentatori di esperienze mentale e psichiche, ricercatori di vie nuove: il Patchouli è il vostro profumo e vi sosterrà fin che rimarrete tali.

Il Patchouli presta densità e corposità alle essenze fiorite dei profumi naturali e spesso è l’ingrediente magico che rendi buoni dei profumi commerciali sintetici. Il Patchouli è capace di conferire loro uno statuto di sofisticatezza senza il quale queste fragranze commerciale rimarrebbero al livello olfattivo delle bombole anti zanzare.

Il patchouli è un archetipo olfattivo che rappresenta l’avventura mistica dell’india, la ribellione della gioventù all’ordine stabilito, la sensualità provocatoria dell’adolescenza, il rifugio del bosco.

Il suo profumo ci aiuta a organizzare le nostre idee e fa sorgere in noi il desiderio di superare i limiti posti dalla società e dalla nostra natura fisica per trovare nuove vie di pensare e di comprendere.

Il Patchouli ci aiuta a ricollegarci con il chakra della base, con la nostra fisicità, quando tendiamo troppo in modo squilibrato verso l’intellettualità o l’idealismo.

Nella profumeria naturale, questa essenza è inevitabile, indispensabile e insostituibile.

Nei profumi naturali, si combina armoniosamente con tutto ma in particolare con le essenze di ylang-ylang, rosa, tuberosa, gelsomino, tonka, cannella, Incenso, mirra e oppoponax.

Uso del Patchouli in aromaterapia

In aromaterapia invece è usato contro la ritenzione idrica in massaggi, contro le micosi in uso topico e contro le infezioni intestinali, in uso interne.

Essendo il profumo della gioventù, ha senso la sua reputazione di potere ringiovanire le cellule e di rallentare il processo d’invecchiamento, di aiutare alla cicatrizzazione della pelle screpolata e di evitare l’afflosciamento della pelle matura e la caduta dei capelli.

È antidepressivo, e permette di superare i disagi dovuti alla propria apparenza fisica.

firma24

Alcuni fra i profumi di AbdesSalaam Attar che contengono Patchouli