Distillare un’isola – Turunj: arancio amaro fiori e foglie

I PROFUMI DEI GIARDINI DI MAULANA

L’albero di arancio è il vero simbolo di Cipro Nord. Gli aranceti sono dappertutto e il commercio degli aranci era la fortuna della regione fino a poco tempo fa.

Turunj è il nome cipriota per l’arancio amaro. Lo chiamano “Il padre degli aranci” perché tutti gli agrumi vengono innestati sul suo tronco. Turunj ha le foglie più dolcemente profumate di tutti gli agrumi e dalle sue fiori si estrae l’essenza di Neroli.

 

Abdul Halim, Francese residente sull’isola , ha imparato da me i rudimenti della distillazione qualche mese fa ed è diventato  un distillatore esperto.

Siamo andati nell’aranceto di Sheikh Baha Uddin in ricerca di alberi pieni di Barakat per distillare le essenze che diventeranno la nostra produzione dei nostri “profumi dei giardini di Maulana”.

 

Moltissime foglie e fiori sono necessarie per ottenere soltanto un po’ di olio essenziale. E’ veramente un liquido molto prezioso.

Useremo il nuovo distillatore da 50 litri che ho costruito me stesso.

Il nostro allievo sta imparando il mestiere con il suo padre e con me.

Il distillatore è riempito con la nostra fragrante raccolta.

 

Dopo mezzora, il meraviglioso miracolo accade, la pura essenza, vero spirito vivo della pianta, viene alla luce nella sua forma materiale. L’odore della pianta, che è immateriale, diventa un  liquido materiale attraverso il processo elimina dalla pianta tutto ciò che odore non è
Questo è il risultato straordinario ottenuto dal primissimo di tutti i processi alchimici, la distillazione.

C’è molto da riflettere qui per i murid di Lefke che distillano i giardini di Maulana.

La separazione tra l’essenza e l’acqua aromatica si fa in un vaso fiorentino che ho realizzato con materiali locali

L’essenza è deliziosa, fiorita e fresca, confortante, rasserenante e rincuorante, molto somigliante al neroli ma più terrena. Balliamo di felicità.

Dopo il duro lavoro e la bellissima ricompensa di avere ottenuto questo  meraviglioso spirito fragrante dei giardini di Maulana, il minimo che ci spetta a noi dervishi è di sedersi sui tappetti sotto gli alberi, prendendo il tempo di stare in compagnia, bevendo tè e odorando profumi.

E’ una vita bellissima.

Lefke 14 04 2014

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *