Nuove essenze dall’Australia

Nuove essenze mi arrivano dall’Australia: il legno di sandalo Eco e il Fire tree.

Il legno di Sandalo Australiano mi è prezioso perché costa un bel po’ meno del sandalo Indiano e ne basta molto meno in composizione per avere la nota del Sandalo.
E’ coltivato e, anche se la sua disponibilità è limitata, è sempre possibile comprarne qualche quintale all’anno se dovesse avere un cliente che vuole lanciare un prodotto di massa 100% naturale che contenga Sandalo.
Contiene più farnesol del Santal Mysore Indiano, e questo componente può essere allergenico, ma questo problema si presente solo se usato puro.
Il Sandalo eco-Australia non viene da piantagioni ma è ottenuto distillando vecchi rami morti dell’albero selvatico, raccolto dai Bushmen.
Questo Sandalo è più potente, più longevo e con la nota Sandalo più netta ancora del convenzionale.
L’essenza del legno di Sandalo, come quelle di parecchi altri legni aromatici, migliora invecchiando, e apparentemente, migliora anche all’interno dei vecchi rami caduti dove rimane imprigionata per anni.
Il Sandalo eco-Australia è quindi paragonabile ad un Sandalo Australia “vintage”.

Il Fire tree (Xanthorrhoea preissil) è un legno aromatico che usano i Bushmen per accendere il fuoco. Lo stesso ho visto fare in Afghanistan, dove si accende il fuoco con un cedro resinoso profumatissimo che brucia con un fumo nero come se fosse imbevuto di gasolio.
Gli oli essenziali sono degli idrocarburi ed è per questo che bruciano bene ed é anche per questo che sono in grado di diluire le vernici sintetiche.
Il Fire tree è stato definito da Luca Turin “l’odore più interessante degli ultimi anni”. Ha una nota di testa fruttata dolce e spiccata, di tipo albicocca e mirto, che prosegue nel cuore dell’odore per lasciare un fondo legnoso fruttato molto discreto.

E’ senz’altro un odore interessante che incontra un riscontro positivo quasi universale. Sarà interessante presentarlo agli allievi di profumeria come materiale di lavoro al prossimo corso, per vedere come persone senza preconcetti lo utilizzano.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *